Problemi adolescenziali: Depressione - I’m not totally useless. I can be used as a bad example.
 
Stai leggendo il giornale digitale di Pantini Pudente su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Problemi adolescenziali: Depressione

I’m not totally useless. I can be used as a bad example.

Immaginate dobbiate fare una banale doccia.

Aprite l’acqua, regolandola ad una temperatura abbastanza rovente, data la stagione in cui ci troviamo.

Una volta privi di indumenti ed entrati nel box, rilassatevi al di sotto dell’ossimoro esterno.

Dopo pochi minuti, supponiate la luce vada via, dunque decidete di interrompere il flusso che vi sovrasta.

Siete immersi nel fitto buio, non sapete come muovervi, dove siano accappatoio ed asciugamano e cosa fare.

Decidete, pertanto, di trattenervi nel luogo di comfort dove siete, ma ben presto il freddo inizia a spirare e percuotere in modo così dirompente il vostro corpo, quasi come si stesse martellando un chiodo su una parete.

Affinché possiate ritrovare calore, bisogna che voi usciate e risolviate il problema; per farlo, però, siete tenuti ad imbattervi nel tetro circostante, correndo il rischio di urtare contro qualcosa e di essere colpiti da un’infreddatura.

Prima o poi, qualunque sia la vostra decisione, uscirete da quel posto, riacquisendo la condizione termica persa.

Quali sono le vie d’uscita?

  1. Decidere di affrontare gli intralci;
  2. Aspettare che qualcuno venga da voi;

direte, magari.

Ma come potrebbe qualcuno venire in vostro soccorso? Il buio non c’è, forse, anche per lui?

Pur se trovasse un modo, poi, pensate davvero riuscirà a demolire le vostre angosce? O probabilmente solo voi avete il potere di sovrastarle?

Ebbene, al giorno d’oggi, sono molti gli adolescenti che vivono costantemente nella determinata situazione.

Essi potranno esser circondati da amici, familiari o quant’altri, ma quando si perde se stessi, nessuno è in grado di rimpiazzare l’anima di un altro.

Spesso i giovani si rivelano essere impreparati al freddo inaspettato, pronto a coglierli da un momento all’altro, e, proprio per questo, non hanno idea di come assalirlo, arrendendosi a lui.

Il gelo è un fattore esteriore: non possiamo permettere ad esso di trapelare nella nostra essenza. Dobbiamo aggrapparci alla piccola ancora che possediamo e tenere salda la presa dinanzi a tutti gli ostacoli.

Dobbiamo essere il saldo scoglio dinanzi le onde scagionate dal mare turbolento.

Dobbiamo vivere ed affrontare tutte le complessità che ci si ergono dinanzi.

 Iris Marchioli

di Redazione Pantini


Parole chiave:

adolescenza , depressione

Condividi questo articolo




 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stata inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi